Seleziona una pagina

LA SELETTIVITA’ ALIMENTARE NELL’AUTISMO
Strategie per limitare questo comportamento problema con il metodo aba

Tra i comportamenti che un bambino con autismo sviluppa c’è la selettività alimentare che va affrontata con le giuste strategie del metodo aba che aiutano a limitare il problema. 

COS’E’ LA SELETTIVITA’ ALIMENTARE NELL’AUTISMO? 

La selettività alimentare nel bambino con spettro autistico è un comportamento problema che lo porta ad una rigidità nelle scelte alimentari. Spesso gli alimenti assunti sono limitati (molto spesso il numero è inferiore a 5) e l’introduzione di nuovi cibi è molto difficoltosa. Fondamentalmente sono 2 gli aspetti contro i quali i genitori si scontrano al momento del pasto:

  1. Il bambino ha una scelta limitata di alimenti e perciò non assume il corretto apporto nutrizionale
  2. Il bambino manifesta tutta una serie di comportamenti evitanti per far fronte all’inserimento dei nuovi sapori mettendoli a dura prova (urla, fuga, aggressività, pianto, rigurgito eccetera…)

Ad aiutare e fornire strategie per limitare la selettività alimentare interviene il metodo aba. Come con gli altri comportamenti problema dell’autismo si cerca di insegnare al genitore (tramite sessioni di parent training) a compiere un’azione diversa che porti il bambino a raggiungere l’obiettivo di assunzione di un nuovo cibo. Per fare ciò c’è bisogno di un’analisi funzionale che permette di capire il perché di quel rifiuto (consistenza, odore, colore…). Individuato il problema il metodo aba propone diverse soluzioni. Di seguito alcune:

  1. giochi di gruppo
  2. attività che comportano il lento avvicinamento al cibo senza portarlo alla bocca ma scoprendolo attraverso i 4 sensi
  3. la messa a disposizione, durante il pasto, di un oggetto preferito che distolga l’attenzione
  4. utilizzare il cibo come gioco esperienziale con il terapista o con il genitore

PER APPROFONDIRE L’USO DI QUESTE TECNICHE E’ OPPORTUNO RIVOLGERSI A DEGLI SPECIALISTI CHE SAPRANNO GUIDARE IL BAMBINO MA SOPRATTUTTO SOSTENERE L’ADULTO. 

Il centro ABA di Foligno

La strutturazione del centro Aba di Foligno prevede ingressi individuali. Gli ingressi sono effettuati in base al programma personalizzato coordinato dalla Dottoressa Marta Cardinali, pedagogista e analista del comportamento in formazione. Il centro ABA l’Edera di Foligno vuole essere un aiuto per affrontare l’Autismo. Esso prevede dai 2 ai 5 accessi settimanali condivisi dalla famiglia, nei quali il bambino potenzierà le varie aree di sviluppo (linguaggio, competenze cognitive, individuazione, gestione e risoluzione dei comportamenti problema). Mensilmente il lavoro è supervisionato dalla Dottoressa Cardinali che gestirà insieme con i terapisti tutti gi aspetti riguardanti il bambino. E’ disponibile (su richiesta della famiglia e su suggerimento dell’èquipe), la valutazione e l’intervento logopedico coordinato e supervisionato dalla Dottoressa Ivana Albano, avvalendosi di varie tecniche in base alla patologia del bambino. Tra le tecniche più innovative per il trattamento logopedico si utilizza la tecnica Prompt (Prompts for restructuring oral muscolar phonetic targets (Prompt per la Riorganizzazione di Target Fonetici Orali Muscolari). La metodologia è ri-abilitativa per i disordini motori dello speech, ponendo l’accento su una prospettiva particolare, valutando ed integrando tutti gli aspetti dell’individuo affinchè possa sviluppare interazioni comunicative funzionali. In maniera più limitata è usata come tecnica per stimolare fonemi specifici.

LE FIGURE PROFESSIONALI DEL CENTRO A.B.A. DI FOLIGNO

Il centro Aba si avvale di figure professionali altamente specializzate nel campo dell’autismo. I nostri terapisti sono tutti laureati in discipline inerenti alla sfera dell’autismo ed hanno preso parte a vari corsi di formazione, tra cui quello per tecnico RBT (Registered Behavior Technician, tecnico del comportamento certificato). Il lavoro svolto dall’équipe è supervisionato in maniera metodica e condivisa con la famiglia e tutte le realtà che frequenta il bambino dalla Dottoressa Marta Cardinali pedagogista e analista del comportamento in formazione. Il centro si avvale del lavoro di una logopedista specializzata, la Dottoressa Ivana Albano. Laureata in logopedia presso l’Università degli studi di Perugia nel 2006 e in libera professione dal 2010. Nel 2016 ha seguito il corso “Prompt” acquisendo i principi base dell’innovativa tecnica nel trattamento del disturbo del linguaggio.

L’ASSOCIAZIONE L’EDERA DI FOLIGNO

L’Associazione culturale l’Edera di Foligno opera nel territorio dal 2015 e nasce dall’esigenza da parte di assistenti sociali, psicologi ed educatori di offrire quei servizi specifici e di aiuto alla persona essenziali per una comunità. Negli anni l’associazione si è occupata di sostegno familiare, aiuto compiti per bambini con difficoltà di apprendimento, servizi di animazione di vario genere e terapia domiciliare sul modello cognitivo comportamentale supervisionata per bambini con lo spettro autistico. Proprio da questa esperienza è nata l’idea di strutturare un servizio completo che possa essere fruibile da tutti coloro che abbiano l’esigenza di un servizio altamente specialistico a costi contenuti. Nel corso degli anni i terapisti coinvolti nel progetto si sono formati non solo sul campo ma frequentando corsi di specializzazione.

 

Contatta il Centro ABA dell’Associazione l’Edera:
Via A. da Sangallo – 17 (località Paciana)
Telefono: 333.7913692
centro.aba19@gmail.com
Facebook – @centroabaledera